Blog di Renata Fumi Psicoterapeuta

La mia terapeuta mi disse di parlare alla mia bambina interiore

0

“Pensavo scherzasse, ma ha cambiato tutto” di Anna Spargo-Ryan

Ho un ricordo di quando avevo sei anni e leggevo tutti i libri dell’anno scolastico in un solo giorno. Ero entusiasta. Li avevo inalati, immerso in terre fantastiche, esseri magici e finali moralistici. Quando ho finito sono corsa dalla mia insegnante. Ero piena di parole, desiderosa che riconoscesse quanto ero stata intelligente, brava a leggere, coscienziosa. Mentre parlavo dei personaggi che avevo incontrato e dei luoghi in cui ero stato, lui sbatté la mano sul tavolo.

“Siediti e basta!”, disse.

Ricordo il modo in cui quelle parole mi colpirono. Non ero intelligente o bravo o coscienzioso. Ero cattivo. Fastidioso. Avevo sbagliato.

Da bambina mi mettevo spesso nei guai. Ero come un gatto che sta sempre sotto i piedi: intralciavo gli altri, dicevo cose stupide, esageravo. Va bene, molti bambini sono fastidiosi. Ma era così in contrasto con quello che pensavo di fare: dal mio punto di vista di bambina, mi stavo impegnando molto, molto duramente. Ricordo la sensazione di osservare gli altri studenti, gli insegnanti e i genitori e di cercare di capire il modo semplice in cui sembravano interagire con il mondo. Quando lo imitavo, di solito venivo mandata in corridoio. Non avevo idea di cosa avessi fatto, se non che era la cosa sbagliata. Non sapevo quale lezione avrei dovuto imparare e più mi sforzavo di farlo, più gli adulti sembravano delusi. Mentre ero seduta in corridoio, pensando a cose da bambino di sei anni, mi accorsi di quanto mi facesse male il fatto che non piacessi loro. Mi si stringeva il petto. Pensai alle parole che usavano per descrivermi e le archiviai nel profondo. Pigra. Egoista. Sporcacciona.

Con il passare degli anni mi ero fatta la reputazione di essere difficile da frequentare. Ero intelligente ma difficile, e sempre in punizione, di solito per aver disturbato la classe, per aver fatto troppo rumore, per non aver consegnato il mio lavoro in tempo e per aver risposto. La rabbia mi bruciava le ossa. Mi comportavo di proposito, per soddisfare le loro aspettative.

Non ricordavo perché credevo di essere cattivo. Sapevo solo che era vero.

 (altro…)

Guarire dall’abuso finanziario

0

 

Sono certa che l’abuso finanziario narcisistico sia una delle cose più strazianti da cui cercare di guarire. In realtà, per aggiungere danno al danno, non solo si viene distrutti emotivamente e mentalmente dai narcisisti, ma di solito le perdite finanziarie sono ingenti.
I narcisisti sono irresponsabili e amano avvicinarsi alle persone che ripuliscono i loro casini. Sono anche parassitari e si sentono sempre in diritto. Credono che ciò che è tuo sia loro e non appena la nave della relazione inizia ad affondare, il narcisista sta già pensando a tutto il carico che può issare sulla sua scialuppa di salvataggio, lasciandoti indietro indigente e affondato.
Spesso, in questo tipo di relazioni tossiche, l’abuso finanziario avviene ancor prima che si manifestino le crepe.

In fondo, è sempre stato tutto incentrato su di loro, quindi perché le finanze dovrebbero essere diverse?
La maggior parte delle persone che hanno rapporti con i narcisisti sono brave persone e trovano l’abuso finanziario narcisistico incredibilmente difficile da comprendere. Avendo una coscienza, non credono di poter prendere più di quello che è loro di diritto.
Al contrario, il modello di mondo del narcisista è quello in cui crede che gli altri operino come lui e che chi arriva primo vince. Credono davvero che tu sia una persona cattiva e che loro siano la vittima. C’è ogni giustificazione contorta per spiegare perché sei in debito con loro e perché hanno il diritto di prendere tutto.
Questo fenomeno ha devastato più persone di quanto si possa immaginare e continuerà a farlo fino a quando le persone non sapranno come opporsi.
Per aiutarvi a imparare a farlo, ecco i 7 passi molto importanti che hanno avuto un grande successo nella guarigione dall’abuso finanziario narcisistico.

 (altro…)

Il pendolo delle emozioni

0


Le nostre emozioni sono sempre in movimento, anche nel sonno. In noi c’è sempre una potenziale tensione emotiva che può darci gioia o dolore e, anche se ci conosciamo bene, le nostre emozioni a volte ci sorprendono.


1. Le oscillazioni del pendolo

Il moto delle emozioni è come quello d’un pendolo: se oscilla in alto, poi oscillerà in basso; e anche quando è fermo ha in se’ la capacità d’oscillare. Possiamo passare velocemente da uno stato di calma ad uno di euforia o di depressione: per esempio, un arrivo inaspettato può provocare un entusiasmo dovuto al piacere della visita, un incidente improvviso invece può causare rabbia o paura. Spesso gli incontri sociali sono accompagnati da oscillazioni del pendolo, ma non è detto che le emozioni provate si mostrino all’esterno.

I termini ‘alto’ e ‘basso’ identificano i due estremi del pendolo: nell’alto ci sentiamo rivolti all’esterno indipendentemente dalle emozioni che proviamo (rabbia, euforia, disperazione…); nel basso invece ci sentiamo stanchi, spesso depressi e comunque siamo rivolti al nostro interno.

2. I bassi

Il basso del pendolo e’ dovuto all’esaurimento di energia fisica ed emoti¬va. Lo proviamo dopo uno sforzo fisico o un lungo viaggio, e questo tipo di basso rimane nella parte tollerabile dell’area sinistra del pendolo , vicino alla calma. Un basso piace¬vole può essere anche l’emozione che proviamo dopo aver visto una buona produ¬zione d’una tragedia Shakespeariana o quando ci sentiamo dei martiri perché lavoriamo e diamo più di tutti. In questo stato possiamo compiacerci, provare autocompassione o magari entrambe le cose. (altro…)